Marco Conidi - La porta del cielo - Testo - mangianastri
conidi- la porta del cielo testo

Marco Conidi – La porta del cielo – Testo

Vota questo testo!

La porta del cielo

(M. Mastrangelo – M. Conidi)

E’ una notte di pioggia
ed e’ San Valentino
con il cielo che lava
le bestemmie in città
C’e’ Luigi seduto sul letto
Marta che stira di la’
C’e la radio che canta “L’anno che verrà”

Ehi Marta, tesoro
ti avrei voluto comprare
centomila diamanti e quel vestito blu
pero’ avevo i soldi contati
dovevo farmi
lo capisci anche tu…
Marta io amo te
ma Lei mi tira di più

Oh no
Non e’ stato facile
fare l’amore ed avere paura per te
Sentirmi il corpo forte
e il cuore fragile

Marta
in mezzo a questo veleno
Io lo so
che c’e’ la Porta del Cielo

Uh babe…
…Knockin’ on haeven’s doors…

Ehi Marta
Allora prendi il tuo cuore
e mettilo su un treno
e dai retta a tua madre…
meriti di più
del bambino che non ti darò
di tutti quei lividi al petto
di un amore fatto di stereo rubati

Oh no
Non e’ stato facile
difenderti da tutto e non difenderti da me
E tutte quelle notti a dirmi
– La tua dignità dov’è? –
Oggi la mia dignità è salvarti via da me

E’ una notte di pioggia
ed e’ San Valentino
con il cielo che lava
le bestemmie in città
C’e’ Luigi disteso sul letto
anche la sua vita è stesa là…
Marta che lo accarezza…
Marta prende le scarpe
E se ne va

Apri la Porta del Cielo
In mezzo a tutto questo veleno

Ehi Marta…
La Porta del Cielo
sta proprio li
in mezzo a tutto quel nero

Non mangio più
Non penso più
Non vivo più
Ehi Marta
Lo vedi anche tu

Esisterà una Porta del Cielo?

Esisterà…


ultima modifica: 2015-08-10T11:15:39+00:00 da mangianastri

Un commento su “Marco Conidi – La porta del cielo – Testo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ma te la ricordi questa?! Canzoni Italiane Random